SUGGERIMENTI PER PREPARARE E GESTIRE UN’EMULSIONE

Di seguito riportiamo alcune semplici regole che potranno aiutarvi a preparare e a mantenere nel tempo una buona emulsione.

PREPARAZIONE DELL’EMULSIONE

La preparazione è la prima fase fondamentale per la corretta durata del lubrorefrigerante, spesso trascurata per vari motivi. Si raccomanda di seguire i seguenti passi:
• Aggiungere il concentrato all’acqua ad una temperatura non inferiore a 5° C
• Agitare accuratamente con un agitatore
• Controllare la concentrazione con il rifrattometro e correggerla se necessario. La concentrazione dovrà essere regolata in funzione della necessità di una maggiore o minore lubricità dell’emulsione. Ricordiamo che la lettura della concentrazione sul rifrattometro va moltiplicata per il coefficiente rifrattometrico.
NB: Mai aggiungere acqua al concentrato (emulsione invertita).

CORREZIONE DELLA CONCENTRAZIONE – RABBOCCO

Spesso i rabbocchi sono causa di instabilità dell’emulsione, riduzione dell’efficienza di taglio, formazione di schiuma ed altre problematiche. Il corretto reintegro dovrà essere effettuato seguendo le seguenti regole:
• Se la concentrazione è maggiore di quella desiderata: aggiungere emulsione a bassa concentrazione e MAI acqua.
• Se la concentrazione è minore di quella desiderata: aggiungere emulsione ad alta concentrazione e MAI solo olio.

GESTIONE EMULSIONI IN SERVIZIO

Una lunga durata in servizio di una carica di fluido da taglio emulsionabile si potrà ottenere solamente tramite un serio programma di controllo periodico di grandezze significative quali il PH e la concentrazione ed una conseguente manutenzione periodica dell’emulsione attraverso operazioni quali ad esempio la scrematura dell’olio separato in superficie.
E’ di basilare importanza controllare con periodicità i seguenti parametri:
• Durezza dell’acqua
• PH
• Contaminazione di olio estraneo
• Concentrazione dell’emulsione
• Contaminazione batterica
• Presenza di funghi.

Il monitoraggio costante di questi parametri consente di avere un fluido sempre efficiente, segnalandoci come e quando intervenire.
I benefici sono il prolungamento della vita delle cariche, miglior efficienza di taglio, minor consumo di prodotto, riduzione dei pericoli per gli operatori.

CAMBIO CARICA E PULIZIA DEL SISTEMA

Prima dell’introduzione dell’emulsione nuova nel sistema è consigliabile seguire la seguente procedura di pulizia:
• Aggiungere all’emulsione in servizio un detergente-battericida al 2% (seguire le istruzioni del prodotto utilizzato) che aiuterà a disinfettare le vasche eliminando batteri e detergendo la macchina
• Far circolare per 24/48 ore a seconda del grado di “inquinamento” del sistema
• Scaricare l’emulsione con il detergente-battericida dal sistema
• Pulire accuratamente le vasche ed eliminare tutti i residui morchiosi in esse presenti
• Far circolare una nuova emulsione di flussaggio preparata al 1-2% ed acqua pulita non eccessivamente dura. Questa operazione consentirà di rimuovere i residui di detergente-battericida impiegato per la prima operazione, generalmente corrosivo per le cose e per l’uomo.
• Svuotare completamente la vasca
• Preparare l’emulsione definitiva con la concentrazione indicata per la specifica applicazione.
Aldo Creazzo Lubrificanti è a vostra completa disposizione per ulteriori informazioni o approfondimenti sui temi esposti.

Lubrificanti Industriali

One comment to SUGGERIMENTI PER PREPARARE E GESTIRE UN’EMULSIONE

  • CARINI GIUSEPPE

    TUTTA LA SPIEGAZIONE E’ OTTIMA MA VORREI SAPERE COSA FARE PER EVITARE CHE LA EMULSIONE DOPO UN MESE CIRCA DI INATTIVITA’ ABBIA LA FORMAZIONE DI UNA PELLICOLA IN SUPERFICIE ABBASTANZA SPESSA E COME PLASTIFICATA CHE CREA PROBLEMI ALLA POMPA CENTRIFUGA. COSA DEVO FARE PER EVITARE TUTTO QUESTO? GRAZIE

    Reply

Lascia un commento

Comment
Name*
Mail*
Website*